Articoli
SCRIVI UN ARTICOLO
Condividi anche tu i racconti di ciò che succede nel tuo oratorio.
Scrivi un articolo e invialo
all’indirizzo redazione@upee.it allegando possibilmente una fotografia in formato jpg.
SportGiovane
Quinta tappa ad Albegno
di Marcello Mossali

Quando al mattino apro gli occhi, la sveglia segna le cinque e quarantanove minuti. È ancora un po’ presto, do un occhio fuori dalla finestra. Niente pioggia. Lo SportGiovane fa tappa qua vicino a casa, ci sta pure il mio figlioletto tra i partecipanti, mia nipote tra gli animatori, pure una lontana zia tra i coordinatori. Insomma, non posso fare brutta figura davanti ai parenti. Scherzi a parte, Albegno ospita la quinta tappa dello SportGiovane. Siamo vicini alle tremila presenze, sono arrivati gli oratori di Berbenno, guidati da don Michele e attirati dal profumo delle brioches a colazione, poi Villa d’Adda, Locatello-Corna e Fuipiano (venuti in bicicletta!), Almenno San Salvatore con cartelli e striscioni, Chignolo, Brembate Sopra, Azzano, Palazzago, Osio Sopra, Lallio, Sant’Omobono, Osio Sotto, Orio al Serio, Filago, Curnasco e Sforzatica. Ce l’ho fatta, non dimentico proprio nessuno.
Il gruppo più numeroso è quello di Osio Sotto, sono in cinquecento tra ragazzi e animatori, una vera moltitudine, accompagnati da don Fabiano. Poi c’è Azzano, che si sistema sotto il porticato di via Marconi insieme al curato, don Andrea. Raide e Mario sono due giovani laici che coordinano rispettivamente i Cre di Brembate Sopra e Chignolo d’Isola: mentre i primi stanno sotto la tensostruttura in oratorio che garantisce un po’ di ombra, Chignolo occupa i giardini coi giochi della materna. Almenno sorprende per il tifo da stadio, don Lorenzo capeggia il folto gruppo. Villa d’Adda si fa riconoscere per i cori e gli ululati di sostegno, scopriamo tutta la grinta caraibica di Osio Sopra nei balletti di gruppo sotto il palco, la prestanza fisica di Orio nelle partite di calcio, mentre Palazzago e Sforzatica –tra gli ultimi gruppi ad arrivare- si rendono protagonisti tra volley e giochi di legno. Lallio arriva con Mirko in testa, una vecchia e cara conoscenza dell’ufficio di pastorale giovanile, Sant’Omobono ha lo sport nelle vene: merito dello spirito del suo parroco, don Guido.

Poi ci stanno i padroni di casa di Albegno. Che, generosissimi, a lavori non ancora terminati del tutto, hanno messo a disposizione il loro campo a sette in erba sintetico nuovo di patta in oratorio. Abbiamo fatto un po’ di corse e gli operai con noi. Grazie per la disponibilità! Il soffice manto ospita tutte le sfide di calcio e pallavolo. Don Camillo, il parroco, conosce bene la manifestazione e insieme al Comune ha coordinato la chiusura del centro e la sistemazione di ambulanza e attrezzature dentro Parco Santa Cristina, un magnifico polmone verde che si presta benissimo alle sfide di peteca, volano, tamburello, basket, golf, croquet, frisbee, palla punto e palla paracadute. Senza dimenticare il mitico libretto di SportGiovane. Distribuito durante la pausa pranzo a tutti i partecipanti, raccoglie una serie di simpatici giochi di enigmistica, cruciverba, rebus, labirinti, parole crociate. Ha una funzione duplice: stimolare un po’ la mente dopo tanta attività fisica, occupare l’oretta più calda della giornata standosene tranquilli all’ombra. Per quel che è possibile. I bambini ci mettono tutto l’impegno di cui sono capaci. È bello osservarli mentre, seduti accanto al proprio animatore, completano con scrupolosità ogni gioco del libretto. Nel momento di chiusura della giornata, coi diciotto Cre che si sono infine raccolti e vanno ad occupare via Marconi fino in fondo, arriva il sindaco di Treviolo, Pasquale Gandolfi a salutare il lungo serpentone umano. La scena che si ammira è davvero suggestiva. Con le premiazioni che si susseguono, salutiamo con affetto i ragazzi e i loro don; siamo felici ed orgogliosi. Il viale si svuota in un momento. Riponiamo tutti i materiali nelle casse, mentre i gonfiabili vengono smontati pian piano. Albegno domani tornerà alla solita routine. Tutti avremo un po’ di nostalgia. Mancano le ultime due tappe. Saliamo in valle per l’ultima settimana di SportGiovane
Share Facebook
Share Twitter
© Upee - Ufficio Pastorale Età Evolutiva
Privacy Policy | Redazione | Upee@curia.bergamo.it | Credits