Articoli
SCRIVI UN ARTICOLO
Condividi anche tu i racconti di ciò che succede nel tuo oratorio.
Scrivi un articolo e invialo
all’indirizzo redazione@upee.it allegando possibilmente una fotografia in formato jpg.
SportGiovane
Penultima tappa a Solto Collina
di Marcello Mossali

È davvero vincente la strategia di lasciare le tappe montane per ultime, nel mezzo del mese di luglio, quando si agogna un po’ di fresco e le montagne offrono il giusto refrigerio. Solto Collina, meta turistica, è davvero un posto incantevole. Il panorama non teme confronti; don Lorenzo, il parroco, inseguiva l’organizzazione di SportGiovane già da qualche anno. Finalmente siamo riusciti ad accontentarlo e dobbiamo proprio ammettere che aveva ragione: il verde che ci circonda ristora le membra ed addolcisce il cuore. Siamo lungo via San Rocco, dove ha sede l’Oratorio San Giovanni Bosco e il parco comunale. In mezzo alle montagne e dopo le precipitazioni temporalesche di ieri, si respira davvero bene e si passeggia con piacere, osservando i ragazzi giocare e gli animatori arbitrare sulle diverse aree. Hanno accettato l’invito a partecipare undici Cre. Piario, Spinone, Sorisole, Adrara San Martino, Fonteno, Endine, Casnigo, Sovere, Ranzanico-Bianzano, Cerete, che si divertono in compagnia dei locali di Solto Collina. Nel chiacchierare coi sacerdoti che hanno accompagnato i gruppi, scopriamo che diversi sono già alla quarta settimana di Cre. Il tempo vola ed hanno ragione. Sembra ieri che muovevamo i primi passi della manifestazione alla Casa dello Sport di Bergamo. E adesso eccoci qui, in Alto Sebino, a vivere con la consueta energia la sesta tappa del tour. Ci accolgono al mattino presto i volontari della Protezione Civile, che si preoccupano di chiudere le strade con le transenne, per consentirci gli ultimi preparativi. Stefano è uno dei coordinatori del Cre, sta facendo il progetto Giovani Insieme con la parrocchia. Coordina gli animatori locali ed informa a livello logistico tutti gli operatori. Qualche mamma arriva a preparare la colazione in oratorio per la decina di animatori che gestiranno le aree sportive. Hanno bisogno di energia, sono attenti e scrupolosi nella riunione tecnica che li interessa e destina ciascuno di loro ad un’area precisa: Gabriel, Michele, Giulia, Matteo, Emma, Luca, Alessandro, Federico e Rayane. I preparativi del palco con tutto l’impianto audio terminano giusto in tempo per accogliere i primi gruppi che arrivano. Non c’è il consueto traffico sulle strade e si procede spediti. Antonio arriva con l’hockey di legno dopo un’ora e mezza di macchina. Ma da Treviglio il contachilometri dice cinquantacinque, non proprio dietro l’angolo. La giornata vale appieno la strada che ci ha condotto fin qui. I gruppi sono puntualissimi, questo ci consente di iniziare nei tempi e i ragazzi scorrazzano da una parte all’altra, in completa sicurezza, sperimentandosi in discipline che non hanno mai provato. I piccolini all’ultimo anno della scuola materna e dei primi anni di elementari giocano parecchio alla palla punto e alle biglie sotto il gazebo blu, accanto alla tensostruttura bianca dell’oratorio. Spinone sbandiera fiero l’appartenenza (e la fede calcistica); Solto vince ai gonfiabili del calcio, mentre Endine, accompagnato da don Andrea e don Simone, si fa valere alla pallavolo e al basket. Il seminarista Marco e i suoi ragazzi di Casnigo presidiano i gonfiabili e c’è qualche bel talento coi piedi che riesce a fare centro nei calci di rigore. Fonteno è il Cre più piccolo tra i presenti, guidato da don Alessandro mentre Sovere e don Angelo sono il gruppo più numeroso: superano le duecentocinquanta presenze. Ci siamo sentiti in fase di iscrizione con le coordinatrici laiche di Sorisole, Adrara, Spinone e RanzanicoBianzano: Nicoletta, Elena, Katia e Rossella sono sempre gentilissime. Don Eros e don Sergio sono affezionati a SportGiovane e l’hanno già ospitata nelle rispettive parrocchie in passato. E’ l’attestato di stima più gratificante che ci possano rendere!
Compiere è l’atteggiamento della quarta settimana che accompagna e valorizza il progetto educativo del Cre “BellaStoria”. Può dirsi compiuta l’avventura odierna di SportGiovane? A giudicare dagli sguardi e dallo splendido clima di festa che ha contraddistinto la giornata, siamo convinti di sì. Solto Collina lancia una cartolina bella e gratificante: si canta a squarciagola e si balla senza sosta. Le nuvole coprono il sole: vuoi mettere con la luce che abbiamo dentro? Grazie don Lorenzo per averci ospitato in cima al lago. Ci aspetta l’ultimo appuntamento.
Share Facebook
Share Twitter
© Upee - Ufficio Pastorale Età Evolutiva
Privacy Policy | Redazione | Upee@curia.bergamo.it | Credits